Crollano le Immatricolazioni Auto a Gennaio 2019. Male il NLT, Diesel e FIAT

Crollano le Immatricolazioni auto a Gennaio 2019. Crisi per NLT, Diesel e FIAT

Il nuovo anno si apre con le immatricolazioni auto in negativo, confermando il trend dell’ultimo trimestre del 2018. Il calo è del 7,9% ed è accompagnato da una preoccupante contrazione del noleggio a lungo termine; sembra rinvigorire, invece, il mercato dei privati. 

Mercato Auto: Immatricolazioni a -7,9%

Durante il mese di gennaio 2019, sono state immatricolate 165.536 auto, il 7,9% in meno rispetto a gennaio 2018. I dati, in linea con l’andamento dell’economia del paese, potrebbero ulteriormente aggravarsi nei mesi che seguiranno, a causa delle nuove norme introdotte dal governo. L’unico segmento che incrementa le vendite è quello dei privati, in crescita del 3,7% rispetto allo scorso anno.

Immatricolazioni Auto di Gennaio 2019

Gennaio 2019 Gennaio 2018 Var % Gen. 2019/2018
Privati 106.416 102.608 +3,7%
Noleggio Breve Termine   10.768   13.455 -20%
Noleggio Lungo Termine   19.754   24.702 -20%
Società   25.455   36.231 -29,7%
Totale 165.536 179.772 -7,9%

Il Noleggio a Lungo Termine

Preoccupano i dati relativi al noleggio, poiché sia il breve che il lungo termine hanno registrato un calo del 20% rispetto allo scorso anno. Il comparto del noleggio a lungo termine è entrato in crisi nel settembre 2018: da allora, ogni mese, registra flessioni più o meno corpose. Ciò desta chiaramente un certo allarmismo per chi opera nel settore, che agli inizi dell’anno scorso trainava invece il mercato automobilistico.

Gennaio 2019 Gennaio 2018 Var % Gen. 2019/2018
Noleggio Breve Termine 10.768 13.455 -20%
Top 9.255 13.186 -29,8%
Altre 1.513 269 +462,5%
Noleggio Lungo Termine 19.754 24.702 -20%
Top 11.790 14.196 -16,9%
Captive 7.356 9.921 -25,9%
Newcomers 201 157 +28%
Altre 407 428 -4,9%
Altri Noleggi 3.143 2.776 +13,2%
Totale Noleggio 33.665 40.933 -17,8%

Le Alimentazioni

Continua a perdere importanza il diesel, che a gennaio ha registrato 68.116 immatricolazioni, il 31,4% in meno rispetto allo scorso anno. Inarrestabile, invece, la benzina: nel 2019 sono state immatricolate 74.722 vetture, quasi il 30% in più rispetto a gennaio 2018. Le alimentazioni alternative crescono, ma non abbastanza da compensare il calo del diesel. Le auto a GPL guadagnano 8 punti percentuali rispetto all’anno scorso, mentre crescono le ibride del 17,8% e le elettriche del 9,3%.

Alimentazione Gennaio 2019 Gennaio 2018 Var % Gen. 2019/2018
Diesel 68.116 99.365 -31,4%
Benzina 74.722 58.453 +27,8%
GPL 12.162 11.244 +8,2%
Ibride Elettriche 8.520 7.233 +17,8%
Metano 1.734 3.219 -46,1%
Elettriche 282 258 +9,3%
Totale 165.536 179.772 -7,9%

Immatricolazioni Auto: Fiat in Crisi

La classifica dei marchi automobilistici vede Fiat al vertice, ma questo è in continua flessione per quel che riguarda le vendite. Il marchio italiano perde il 29,21% delle immatricolazioni rispetto a gennaio 2018. Anche il Gruppo diminuisce i propri volumi di vendita, registrando il -21,68% di immatricolazioni rispetto allo scorso anno. Il marchio Jeep, che trainava il gruppo con prestazioni positive, questo mese è in calo del 16,14%; in crescita invece Lancia / Chrysler, con un + 55,36% di immatricolazioni rispetto a gennaio 2018.

Dati del Gruppo Fiat

Gennaio 2019 Gennaio 2018 Var % Gen. 2019/2018
Alfa Romeo 2.473 4.525 -45,35%
Ferrari 50 35 +42,86%
Fiat 24.445 34.530 -29,21%
Jeep / Dodge 6.249 7.452 -16,14%
Lancia / Chrysler 6.606 4.252 +55,36%
Maserati 171 268 -36,19%
Totale Gruppo Fiat 39.994 51.062 -21,68%

Top 10 Marchi Automobilistici

Marchi Gennaio 2019 Gennaio 2018 Var % Gen. 2019/2018
1) Fiat 24.445 34.530 – 29,21%
2) Volkswagen 14.865 13.441 + 10,59%
3) Peugeot 11.346 10.904 + 4,05%
4) Ford 11.152 12.557 – 11,19%
5) Opel 9.638 8.724 + 10,48%
6) Citroen 8.959 8.803 + 1,77%
7) Renault 8.213 9.526 – 13,78%
8) Toyota 8.100 8.185 – 1,04%
9) Dacia 7.728 6.147 + 25,72%
10) Lancia / Chrysler 6.606 4.252 + 55,36%

I 10 Modelli di Auto Preferiti

La Fiat Panda rimane ancora in testa alla classifica dei modelli auto più scelti, con più di 14 mila immatricolazioni. Seguono due conferme, la Ypsilon e la C3, ed il Volkswagen T – Rock, che ha quadruplicato i propri volumi di vendita. Mancano, invece, modelli come la Fiat 500 e la Ford Fiesta, che hanno avuto un numero di immatricolazioni piuttosto deludente.

  1. FIAT PANDA 14.638
  2. LANCIA YPSILON 6.606
  3. CITROEN C3 4.216
  4. VOLKSWAGEN T-ROC 4.137
  5. TOYOTA YARIS 4.112
  6. DACIA DUSTER 3.923
  7. VOLKSWAGEN POLO 3.805
  8. RENAULT CLIO 3.792
  9. FIAT 500X 3.410
  10. PEUGEOT 208 3.341

L’analisi di Dataforce Italia

Secondo quanto afferma Salvatore Saladino, country manager di Dataforce Italia, sono tre gli elementi più importanti da tenere sotto controllo:

  1. l’inaspettata crescita del mercato dei privati;
  2. le performance negative del noleggio a lungo termine;
  3. il tema delle alimentazioni, con la benzina che ha raggiunto i volumi di vendita del diesel.

A proposito dell’eterna “gara” fra diesel e benzina, Saladino sottolinea che i volumi persi dal gasolio non sono compensati dalle prestazioni della benzina e delle alimentazioni alternative. Sarebbe opportuno dunque che le autorità riconoscessero la validità delle auto a diesel di ultima generazione, vantaggiose ed ecologicamente valide, senza penalizzarle nella circolazione.

Carmela Di Matteo

Laureata in Lettere Classiche, è una collaboratrice esterna del blog di Noleggio Semplice. Esperta del settore automotive, pone le sue conoscenze al servizio degli interessati ai servizi di noleggio a lungo termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *